Autore: CatARTica

Toulouse-Lautrec e la Ville Lumière

“Dopo l’assenzio, l’odore che gli piaceva di più era quello dell’inchiostro di stampa.”
Jozsef Rippl-Ronai

Con l’occasione di dare uno sguardo al rapporto tra l’arte grafica di Lautrec e la sua città, ricordo che è stata prorogata fino al 6 gennaio la bellissima mostra Toulouse-Lautrec: la Ville Lumière, prodotta da Arthemisia e allestita nelle eleganti sale della Reggia di Monza, dove è possibile immergersi nella “luminosa” e vivace atmosfera parigina di fine Ottocento. 
Un tuffo in un passato accattivante quanto contraddittorio: vita bohémienne tra riviste satiriche, sale intrise di fumo e alcool, case di tolleranza, luci, spettacoli, intrattenimenti a teatro e nei locali notturni, dove gli artisti di Montmartre e le ballerine di can-can del Moulin Rouge erano i protagonisti indiscussi delle sfavillanti e frenetiche serate di quella Parigi fin de siècle, che tanto continua ad affascinarci a più di un secolo di distanza. (altro…)

Christian Dior, Designer of Dreams al V&A di Londra

“Penso al mio lavoro come a un’architettura effimera, dedicata alla bellezza del corpo femminile.” Christian Dior, 1957

Fino al 1º settembre il Victoria & Albert Museum ospita la più importante retrospettiva allestita nel Regno Unito dedicata al celebre stilista e imprenditore francese, Christian Dior.
È la mostra del momento, sold out online dopo poche settimane, anche di persona bisogna armarsi di pazienza e pregare in un pizzico di fortuna. Se però non siete riusciti a procurarvi un biglietto o non potete recarvi a Londra vi accompagno io tra i meravigliosi allestimenti del V&A.

Vestiti scintillanti, eleganti abiti da sfilata, da gala e per il red carpet. Quale donna non ha mai sognato di potere indossare un abito della Maison Dior almeno per una sera?
È lunga la lista di nobildonne, modelle, attrici e celebrities di Hollywood che hanno avuto questo privilegio: tra i numerosi abiti in mostra ritroviamo quello confezionato per il 21° compleanno della Principessa Margaret, così come gli iconici abiti dorati che Charlize Theron si “sfila” nelle sensuali pubblicità del profumo J’adore. (altro…)

Van Dyck e Omar Hassan alla Reggia di Monza

Approfittando di un weekend di bel tempo sono andata a vedere due delle mostre attualmente in corso alla Reggia di Monza: Anton Van Dyck. L’Opera si racconta esposta fino al 20 maggio presso l’adiacente Cappella Reale e Omar Hassan. L’Essenziale è Invisibile agli Occhi allestita all’interno del Serrone della Reggia a ingresso libero e prorogata fino al 15 aprile.
Due esposizioni piccole e tutto sommato veloci da visitare, ma ben curate, che danno l’opportunità di ammirare opere di periodi e generi completamente differenti tra loro, ma ugualmente suggestive.

reggia_monza_van_dyck_hassan (altro…)

Juste la fin du monde

juste_la_fin_du_monde
È SOLO LA FINE DEL MONDO (Xavier Dolan, 2016)
Vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes del 2016.

Film stupendo, scritto e diretto da un grandissimo (e giovanissimo) talento e recitato divinamente, attraverso silenzi e sguardi che – nel dramma dell’incomunicabilità – raccontano più di mille parole.

La trama è di per sé semplice e gli intenti vengono dichiarati fin dalla prima scena: Louis è uno scrittore di successo che, dopo aver scoperto di avere una malattia terminale, decide di tornare nel suo paese natale dopo dodici anni di lontananza per darne notizia. Il pranzo organizzato con la famiglia, che non vede da quel lungo tempo e con cui ha ormai perso ogni legame, diventa occasione per risvegliare ricordi, rimpianti e vecchi rancori, covati lentamente nel corso degli anni e mai del tutto sopiti.

Gold & Silver

“Dovrebbe essere un diritto del solitario scegliere il colore della luna che vede dalla finestra e cambiarlo anche cento volte in una notte.”

(Fabrizio Caramagna)

supermoon_photo

La Superluna di ieri in tutto il suo splendore, qui fotografata in due differenti momenti della serata. Una danza nei cieli notturni di questi primi giorni di dicembre, con “cambio d’abito” tra un tempo e l’altro dello spettacolo: caldi toni dorati appena dopo il tramonto e luminosi riflessi argentei qualche ora più tardi, nel cuore della notte. Magico!  (altro…)

Love is a mystery

“Le anime hanno un loro particolar modo d’intendersi, d’entrare in intimità, fino a darsi del tu, mentre le nostre persone sono tuttavia impacciate nel commercio delle parole comuni, nella schiavitù delle esigenze sociali.”

(Luigi Pirandello, Il fu Mattia Pascal)

lampioni_innamorati_marasciuolo_torino

In foto: “I lampioni innamorati” di Rodolfo Marasciuolo, Parco del Valentino, Torino.

L’amore è spesso un misterioso gioco di silenzi, carichi di complicità. Per questa delicata immagine, dunque, lascio che a parlare siano le evocative e sognanti note della musica “Love is a mystery” di Ludovico Einaudi(altro…)

Blackbird fly…

“Nessun uccello vola appena nato, ma arriva il momento in cui il richiamo dell’aria è più forte della paura di cadere, e allora la vita gli insegna a spiegare le ali.”

(Luis Sepúlveda, Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico)

Bird_freedom

Secret garden

“Da quasi una settimana il sole splendeva sul Giardino Segreto.
Mary lo chiamava così; quel nome le piaceva e le piaceva ancora di più la sensazione che quando era chiusa tra i suoi vecchi muri nessuno sapesse dove lei fosse.
Le pareva di essere fuori dal mondo, in un luogo incantato.
I pochi libri che aveva letto e che le erano piaciuti parlavano di fate e in qualcuna di quelle favole erano descritti anche alcuni giardini segreti. A volte qualche personaggio vi dormiva dentro un centinaio d’anni…”

(Frances Hodgson Burnett, Il giardino segreto)

Secret_Garden

Da Monet a Bacon alla Reggia di Monza

Monet_Bacon_poster

“L’arte scuote dall’anima la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni” sosteneva Picasso. Da sempre, infatti, l’uomo ha trovato nell’arte una preziosa fonte di piacere per gli occhi e di benessere per lo spirito e allora, perché non prendere una “boccata d’ossigeno” dalla routine quotidiana immergendosi tra i capolavori della Johannesburg Art Gallery esposti in Villa Reale?

Le sessanta opere della mostra Da Monet a Bacon, provenienti dalla prestigiosa pinacoteca sudafricana, sono ospitate (fino al 2 luglio) negli eleganti appartamenti del Principe di Napoli e della Duchessa di Genova al secondo piano nobile della Reggia, già di per sé meravigliosa cornice artistica. Dipinti ad olio, acquerelli, litografie, disegni a pastello e a carboncino dei più importanti artisti del tempo si alternano in un percorso cronologico e tematico, documentando oltre un secolo di storia dell’arte contemporanea internazionale, dalla metà del XIX secolo al secondo Novecento. (altro…)